Castello di Favara

Agrigento

Il Castello di Favara, situato nella Provincia d’Agrigento, venne costruito da Federico II della famiglia Chiaramonte nel 1280. Utilizzato per molti anni come residenza di caccia, mentre nel Settecento venne adibito a carcere come testimoniano i numerosi graffiti lasciati nelle pareti dai prigionieri.

Curiosità

I Chiaramonte erano una famiglia molto importante e ricca della Sicilia riconducibili al quattordicesimo secolo. Altri castelli costruiti da questa famiglia furono: Palazzo Steri a Palermo, Castello dei conti a Modica, Castello di Montechiaro a Palma di Montechiaro.

L’interno del castello chiaramontano di Favara è composto da due piani, quello inferiore è costituito da volte a botte mentre in alto a sinistra della porta d’ingresso sono visibili due stemmi, uno dei quali appartenente alla famiglia dei Perapertusa.

Le pareti dell’androne conservano due grandi croci situate in due cerchi e tracce di pittura di origine incerta. Nella parte destra della corte centrale possiamo ammirare lo stemma araldico di Federico II, mentre nella parete della corte è visibile un’altro portale con una scala coeva che conduce in un ballatoio esterno.

L’esterno è circondato da un recinto fortificato. Dal lato ovest del recinto era situata una Torre Merlata che si affacciava sulla piazza antistante, mentre grazie al portale maggiore (andato oggi distrutto) si poteva raggiungere la piazza.

Indirizzo:
Apertura: Lun-Sab 9-19:30